Fotografia: Tre Consigli Per Sfruttare La Luce Naturale In Location Interne

Sono molte le caratteristiche che una fotografia deve possedere per poter essere considerata buona.

Come ha detto Luigi Ghirri:


“Ho sempre ritenuto che la fotografia fosse un linguaggio

per vedere e non per trasformare, occultare, modificare la realtà."


Se quindi è vero che ogni buona fotografia ha svariati elementi differenti che la caratterizzano, è altrettanto vero che la luce in fotografia è forse l'elemento principale, perché senza luce non si può fare.

Anche la fotografia notturna, per essere tale, ha bisogno di piccoli dettagli illuminati.


Ma quale fonte di luce è necessaria per una buona fotografia?

Le possibilità sono molteplici, tra flash e luci fisse, ma oggi parleremo principalmente di luce naturale.


Con la luce naturale e i giochi di riflessi le cose che possono venire fuori sono molto interessanti.


È vero anche che tutto cambia da fotografia in interna e in esterna.

Oggi ci concentreremo su come una buona luce naturale possa determinare i tuoi scatti in un ambiente interno.

Ecco quindi tre consigli per poterla sfruttare al meglio in una location interna:


  • Scegli a che ora scattare:

Se decidi di scattare con luce naturale in interno è fondamentale decidere quale orario sia più congeniale per i tuoi scatti e per il mood che vuoi trasmettere:

  • mattino: la luce è molto soffice luminosa;
  • mezzogiorno: la luce diventa dura e rigida;
  • pomeriggio: con il passare delle ore la luce diventa sempre più calda
  • sera: solo fino a poco dopo il tramonto rimarrà ancora un filo di luce, assicurati che sia sufficiente per ottenere risultati ottimali


L'orario in cui scatterai determinerà l'intensità della luce a tua disposizione, decidere quindi ciò che sarà meglio per te è importante per poterti permettere di portare a casa il risultato migliore



  • Che tempo fa?


Altro elemento importante è il tempo meteorologico e la stagione in cui organizzerai il tuo shooting. Infatti la luce naturale dipende da molti fattori, e se fuori sarà nuvoloso oppure sereno cambierà ciò che è a tua disposizione.

Ma non disperare: anche in caso di pioggia potrai scattare il tuo shooting, perché ti troverai al coperto, e questo è un enorme vantaggio.

In più, un cielo nuvoloso fornisce una luce maggiormente diffusa, e sarà un po' come avere un enorme soft box a disposizione.

Se invece sarà sereno avrai una luce potente e dura, utilizzala per creare giochi di ombre e rendere dinamico ogni tuo scatto.


  • Crea le tue geometrie attraverso la luce del sole

Una cosa incredibile che puoi fare attraverso la luce è giocare con le ombre, perché se è vero che non puoi direzionare il sole, è altrettanto vero che puoi decidere di usarlo a tuo vantaggio.

Molti fotografi, tra cui Alessio Albi, giocano con le possibilità create dalla luce e dalle ombre di tapparelle, finestre, e riflessi, per rendere più dinamici e interessanti i loro scatti.

Modificare e gestire quindi le geometrie può risultare divertente e può aiutarti a portare a casa scatti originali e autentici.


I segreti bonus

Questo consiglio è molto semplice ma per nulla scontato, la luce naturale è incredibile ma mutevole, quindi ogni momento va sfruttato nel modo più opportuno, di seguito alcuni spunti:


  • Valuta sempre da quali punti arriva la luce naturale:

    La luce arriva da una finestra laterale o da una finestrella posizionata in alto?

  • posiziona il tuo soggetto in relazione ad essa:

    Le fonti di luce sono molteplici?

  • Pianifica la scaletta dello shooting in base allo spostamento del sole Lo scatto che devo fare, aquista più appeal sfruttando la luce che arriva da un determinato punto?